Sali minerali

Sali minerali

Come lavorano e cosa fanno

Sali minerali nelle piante. Dopo aver trattato le sostanze organiche e inorganiche, passiamo adesso a dare un occhiata ai sali minerali e il loro funzionamento nelle piante.

  • Carbonio

Componente dell’organizzazione molecolare di carboidrati, proteine, lipidi e acidi nucleici.

 

  • Ossigeno

Come il carbonio è presente in tutti i composti organici delle entità biotiche.

 

  • Idrogeno

Svolge un ruolo fondamentale nel metabolismo vegetale. E’ importante nel definire il bilancio ionico e come principale agente dei processi di riduzione. E’ fondamentale nelle relazioni energetiche cellulari.

 

  • Azoto

E’ parte integrante di molti composti organici essenziali per la vita delle piante quali proteine acidi nucleici, ormoni, clorofilla, vitamine ed enzimi.

 

  • Fosforo

Ha un ruolo primario nei meccanismi di trasferimento dell’energia. E’ necessario per la germinazione dei semi, per la fotosintesi, per la formazione delle proteine e per quasi tutti i processi di crescita e metabolici della pianta.

 

  • Potassio

Necessario per la sintesi dei carboidrati. Partecipa ai meccanismi di regolazione osmotica e ionica. E’ indispensabile per il mantenimento della conformazione attiva di molti sistemi enzimatici. E’ coinvolto nella traslocazione dei prodotti della fotosintesi.

 

  • Calcio

E’ indispensabile per la divisione e la distensione cellulare. Per la sua capacità di legarsi agli acidi poligalatturonici (pectine) gioca un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’integrità delle membrane cellulari.

 

  • Magnesio

Entra nella struttura molecolare della clorofilla. Attiva numerosi sistemi enzimatici ed in particolare quelli legati al metabolismo del fosforo. Agisce sulla nutrizione azotata, favorendo la sintesi delle proteine.

 

  • Zolfo

Elemento strutturale di amminoacidi, proteine e vitamine. Come il fosforo, può essere coinvolto negli scambi di energia nelle cellule vegetali.

 

  • Sodio

E’ coinvolto nella regolazione del tono osmotico e del bilancio ionico delle cellule.

 

  • Ferro

Cofattore ezimatico, partecipa alla sintesi della clorofilla  nei cloroplasti. Regola i meccanismi di crescita delle giovani piante.

 

  • Manganese

Cofattore enzimatico nei processi di fotosintesi, respirazione e metabolismo dell’azoto. Interviene nella biosintesi di alcuni complessi vitaminici e delle Auxine.

 

  • Zinco

Cofattore enzimatico. E’ essenziale per il metabolismo dei carboidrati, per la sintesi delle proteine e per l’allungamento degli internodi negli steli.

 

  • Rame

Si ritrova in numerosissimi enzimi, E’ coinvolto nei processi di ossidoriduzione ed in particolare nel trasporto degli elettroni e nella fotosintesi.

 

  • Boro

E’ necessario nella formazione delle pareti cellulare, per l’integrità delle membrane biologiche e per l’assorbimento del calcio. Può favorire la traslocazione degli zuccheri e degli ormoni. Controlla i processi di fioritura, di germinazione del polline, di fruttificazione e distensione cellulare.

 

  • Molibdeno

Cofattore enzimatico nel processo di ossidoriduzione dell’azoto.

 

  • Cloro

Interviene nella fotolisi dell’acqua. Contribuisce a mantenere l’equilibrio elettrochimico delle cellule. In alcune piante agisce come controione del potassio nel processo di regolazione dell’apertura stomatica.

 

  • Silicio

Elemento utile e indispensabile per le piante. Partecipa all’organizzazione strutturale delle pareti cellulari. In alcune piante incrementa la resistenza alle infezioni fungine.

 

  • Cobalto

Essenziale nel processo di fissazione dell’azoto.

 

  • Nichel

Favorisce l’assorbimento del ferro e la germinazione dei semi.

 

  • Vanadio

Può sostituire il Molibdeno nella fissazione biologica dell’azoto.

 

Altri articoli: Link

Tag:, ,